OFFERTE & PROMO ESCLUSIVE!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
Legge cookie 2015, come e perchè adeguare il tuo sito

Pubblicato da in Internet On 2 giugno 2015

Dal 2 Giugno 2015 è entrata in vigore una nuova normativa allo scopo di proteggere e garantire i nostri dati personali mentre navighiamo su internet.
Si sta quindi rendendo necessario adeguare larga parte dei siti esistenti, se non altro per evitare di incorrere in possibili sanzioni da parte del Garante della Privacy che minacciano di essere estremamente consistenti: si parla di cifre che vanno da un minimo di 6.000 € fino a 120.000 € in proporzione alla violazione commessa. Vediamo esattamente di cosa si tratta.

Cosa sono questi cookie? semplicemente file di testo che il nostro computer scambia con il sito che sta visitando. Lo scopo di questa operazione, che avviene in maniera trasparente agli occhi dell’utente, può variare a seconda delle circostanze ma comunemente possiamo dire che è quello di facilitare la navigazione dell’utente, per esempio ricordando il nostro nome utente, password e profilo quando torniamo sulla pagina di un social network (risparmiandoci di dover fare il login ogni singola volta).
Quindi i cookie sono utili e talvolta indispensabili per garantire il corretto funzionamento di un sito web, e questa tipologia in particolare viene definita “cookie tecnici” e non utilizzano dati personali.
Di contro fanno uso di cookies detti di profilazione praticamente tutti i sistemi pubblicitari presenti sul web, sia per cercare di indovinare i gusti dei visitatori offrendo pubblicità mirata anziché generica, sia per fornire a chi paga il servizio pubblicitario un riscontro statistico sul pubblico che sta cercando di raggiungere.

E’ in quest’ultimo caso che il Garante della Privacy di conseguenza ha adottato delle misure di controllo e restrizione.
Infatti come in ogni contesto purtroppo possono verificarsi anche situazioni di abuso dove questo prezioso strumento viene utilizzato in modo inappropriato magari per tracciare in maniera invasiva il comportamento di un’utente, fino a casi dichiaratamente illeciti quali compiere vere e proprie frodi informatiche.
adeguare sito web alla normativa cookie 2015
Premesso che tutti i siti affidabili, come pure tutti browser e antivirus hanno ormai da anni delle funzionalità piuttosto evolute mirate a prevenire e scongiurare questo tipo di situazioni, è da queste considerazioni che nasce questa nuova normativa.
La maggior parte dei siti come anche il nostro usa degli innocui cookie tecnici, e seppure la nuova legge operi una distinzione tra queste due tipologie di cookie, la nuova normativa prevede l’obbligo di notificare all’utente l’utilizzo di cookie nel sito nel momento in cui si per la prima volta.

 

Il primo passo se hai un sito intestato quindi è capire se è attualmente conforme o meno alla nuova legge.

  1. La prima cosa da fare è sicuramente prendere familiarità con la normativa ufficiale riportata sul sito del Garante della Privacy.
  2. Contatta il tuo webmaster, in questo caso noi se sei già nostro cliente, in seguito ad un analisi dei servizi integrati nel tuo sito individuerà il tipo di cookies utilizzati.
  3. Se il tuo sito non ha funzioni particolari che si avvalgono di cookie di profilazione penseremo a tutto noi, altrimenti potrebbe essere necessario richiedere la supervisione di un legale con esperienza in giuridica informatica dato che la legge come al solito non ammette errori o ignoranza.

Tieni presente che Google Analytics e analoghi sistemi di monitoraggio utilizzano cookie di profilazione ma che possono essere convertiti in cookie tecnici configurando oppurtunamente il servizio, mentre nel caso di Google AdSense è indispensabile l’utilizzo di cookie di profilazione pertanto oltre alle previste notifiche sulla privacy da aggiungere al sito è necessario anche inviare notifica al Garante della Privacy pagando i  150,00 € previsti per diritti di segreteria.

 

Quali sono le sanzioni previste in caso di mancato adeguamento?

E’ importante chiarire subito che il responsabile legale di un sito è l’intestatario per i siti intestati a persone fisiche, mentre per i siti intestati ad aziende o società può essere o l’intestatario o eventuale terza persona giuridica indicata in sede di registrazione del dominio.
Come verranno applicate le sanzioni previste e se verranno applicate alla lettera ovviamente è tutto ancora da verificare considerata la recentissima entrata in vigore, ad ogni modo queste sono le sanzioni previste:

  • Omessa informativa o di informativa inidonea: €6.000-€36.000 (art. 161 del Codice)
  • Installazione di cookie sui terminali degli utenti in assenza del preventivo consenso degli stessi: €10.000-€120.000 (art. 162, comma 2-bis, del Codice)
  •  Omessa o incompleta notificazione al Garante: €20.000-€120.000 (art. 163 del Codice)

Va infine specificato che chi ha realizzato e pubblicato il sito non ha delle responsabilità in materia, quindi l’adeguamento e la conformità alla legge restano responsabilità esclusivamente del proprietario e intestatario del sito.
Quindi se hai bisogno di un preventivo o una consulenza su come procedere per metterti in regola non esitare a contattarci!


CONDIVIDI CON:

4 anni fa / Commenti disabilitati su Legge cookie 2015, come e perchè adeguare il tuo sito

2

GIU

No

Commenti